r 07 20130221 1462434963

 

Riceviamo dalla signora Cinzia Locatelli (e pubblichiamo volentieri) quanto segue...

 

Così come tante mamme, sorelle, mogli, la signora Liliana Belotti in Locatelli, sorella del tenente Mario Belotti, da sempre porta nel cuore il dolore per la perdita del fratello, disperso durante la Campagna di Russia.

Per non dimenticare tutti quei giovani abbandonati all’inferno è divenuta Presidente della Sezione U.N.I.R.R. di Chiuduno e desidera che la memoria di Mario e degli altri giovani chiudunesi non vada perduta.

Pertanto, ha pensato a un progetto che potesse divulgare la conoscenza degli eventi del Fronte Orientale e di quanto fa l’UN.I.R.R., coinvolgendovi associazioni diverse, e soprattutto i ragazzi.

 

È nato così il progetto

 

“Cara mamma, stai tranquilla, io sto bene... ritornerò. Memorie dal Fronte Russo”

 

che vede impegnati, oltre all’U.N.I.R.R., anche l’Amministrazione Comunale, il Gruppo Storico di Chiuduno, gli Alpini, la Banda musicale, la Compagnia Teatro La Danza Immobile e l’Istituto Comprensivo di Chiuduno (in particolare le classi terze della scuola secondaria di primo grado).

Grazie a tutte le associazioni, per avere creduto nelle finalità di questo progetto, e accettato di parteciparvi con entusiasmo, serietà, rigore storico e considerevole impegno.

 

L’Istituto Comprensivo, soprattutto le classi terze, lavora con i ragazzi per:

 

  • conoscere quanto avvenne ai militari italiani coinvolti nella guerra sul Fronte Russo;
  • fare capire l’importanza e il valore della pace tra i popoli;
  • ricercare le storie e i sogni dei giovani chiudunesi impegnati sul Fronte Russo, attraverso interviste ai parenti e uscite sul territorio (con filmati di documentazione del lavoro svolto da presentare poi alla comunità chiudunese);
  • documentare le conoscenze del periodo storico: visione di documentari storici, del film Stalingrado...
  • leggere testi storici tratti dai libri della dottoressa Maria Teresa Giusti, professore associato di Storia Contemporanea, Storia Sociale e Storia della Russia, PhD, Dipartimento di Lettere, Arti e Scienze Sociali Università degli Studi «G. D’Annunzio» Chieti;
  • partecipare a un incontro (presso l’Auditorium comunale) sulla Campagna di Russia, tenuto dalla docente e scrittrice storica dottoressa Maria Teresa Giusti e dal presidente nazionale U.N.I.R.R., dottor Francesco Cusaro;
  • partecipare allo spettacolo teatrale con la Compagnia Teatro La Danza Immobile, la Banda musicale e gli Alpini.

 

Il Gruppo Storico di Chiuduno, attraverso ricerche storiche,  ha cercato di rintracciare i nomi dei caduti e dispersi, nonché dei reduci chiudunesi impegnati nella Campagna di Russia e di recuperare notizie, materiale fotografico, lettere, disegni, medaglie ecc. ecc., attraverso questionari e incontri con i familiari dei nostri soldati.

Questa importante ricerca storica ha permesso loro di scrivere un libro dal titolo I Chiudunesi nella Campagna di Russia 1941-1943 e di allestire una mostra presto il Torchio.

 

La Compagnia Teatro La Danza Immobile, la Banda musicale e gli Alpini di Chiuduno stanno preparando uno spettacolo teatrale finalizzato a fare conoscere le emozioni che i giovani chiudunesi hanno provato.

Tenere tra le mani le lettere inviate a casa per rassicurare la mamma e il papà e non farli preoccupare commuove in modo significativo... pare di trovarsi in mezzo a quell’orrore, con una mano amica che tuttavia rassicura: “Non preoccuparti, la mia salute è ottima... tu piuttosto come stai? Mi raccomando curati, non preoccuparti per me...”

Così come alcune letture tratte dal libro Centomila gavette di ghiaccio, di Giulio Bedeschi, ci raccontano la dolorosa marcia del Corpo d’Armata alpino e i miracoli che hanno compiuto.

 

La Banda ricrea in modo suggestivo le atmosfere musicali dell’epoca; gli attori e i ragazzi raccontano storie vere, accompagnati da filmati storici; gli Alpini di Chiuduno aprono la serata ricordando il senso dell’onore e della Patria, e dando continuità storica e affettiva alle storie di quei giovani chiudunesi.

 

Gli Alpini di Chiuduno avranno inoltre cura di organizzare un concerto del coro Alpino Palazzolese, presso la Chiesa parrocchiale.

 

Un grazie particolare...

 

  • alla dottoressa Maria Teresa Giusti e al dottor Francesco Cusaro, per la disponibilità e l’entusiasmo con cui hanno aderito al progetto
  • all’Assessore alla Cultura Piermauro Nembrini e al Sindaco Stefano Locatelli, per avere creduto nel valore dell’iniziativa e averla sostenuta
  • al Gruppo Storico di Chiuduno, per l’importante lavoro di ricerca svolto con passione e rigore, che ha permesso di ricordare eroici concittadini
  • ai professori della scuola secondaria di primo grado, che hanno creduto negli obiettivi del progetto e ai ragazzi che li hanno condivisi
  • alla Banda, agli Alpini e alla Compagnia Teatro La Danza Immobile, per avere collaborato alla messa in luce delle emozioni vissute dai Chiudunesi sul Fronte Russo.   

 

La collaborazione di tutti ha permesso di organizzare, per il prossimo aprile, un fine settimana davvero da non perdere!

 

Ecco il programma degli eventi previsti...

 

27 Aprile 2018

 

  • Ore 20.45. Presso la Chiesa Parrocchiale, presentazione del libro I Chiudunesi nella Campagna di Russia 1941-1943 e intervento del Presidente Nazionale U.N.I.R.R., dottor Francesco Cusaro.

 

  • A seguire (sempre presso la Chiesa Parrocchiale), il concerto del Coro Alpino Palazzolese, organizzato dal Gruppo Alpini di Chiuduno.

 

  • Al termine, presso il Torchio, apertura della mostra  I Chiudunesi nella Campagna di Russia 1941-1943, a cura del Gruppo Storico di Chiuduno.

 

Importante: la mostra rimarrà aperta sino a domenica 29 aprile.

 

28 aprile 2018

 

  • Apertura della mostra I Chiudunesi nella Campagna di Russia 1941-1943, a cura del Gruppo Storico di Chiuduno.
  • Ore 9.00. I ragazzi delle classi terze della scuola secondaria di primo grado incontrano la scrittrice dottoressa Maria Teresa Giusti e il Presidente Nazionale U.N.I.R.R., dottor Francesco Cusaro.
  • Ore 21.00. Presso il cinema Teatro Nuovo di Chiuduno, spettacolo teatrale “Cara mamma, stai tranquilla, io sto bene… ritornerò. Memorie dal Fronte Russo”, per la regia  di Cinzia Locatelli. A cura di: Compagnia Teatro La Danza Immobile, Banda musicale, ragazzi delle classi terze della Scuola Secondaria di primo grado, Gruppo Alpini.

 

29 aprile 2018

 

  • Apertura della mostra I Chiudunesi nella Campagna di Russia 1941-1943, a cura del Gruppo Storico di Chiuduno.

 

Seguirà una brochure più dettagliata.

 

Vi aspettiamo numerosi, per ricordare e condividere una storia che fa parte di noi e della nostra comunità.

L’identità di ognuno dipende dal contesto culturale nel quale è cresciuto. Capire il contesto nel quale ci si è formati vuol dire capire se stessi. Ebbene, questo contesto è frutto di un percorso storico, di avvenimenti che si sono susseguiti e di conseguenze che si sono intrecciate tra di loro. Solo studiando la storia si comprende il contesto e solo studiando il contesto si prende consapevolezza della propria identità.

 

Chi volesse iscriversi e/o sostenere la Sezione U.N.I.R.R. di Chiuduno può contattare la segretaria  (signora Polini Italia Salomoni – Tel. 035-839102).

 

In memoria di mio zio, tenente Mario Belotti, e di tutti i caduti, dispersi e reduci del Fronte Russo.

 

- Cinzia Locatelli -