Il babbo disperso in Russia copertina

 

Chi si occupa di Campagna di Russia sa bene che certe ferite non si rimarginano.

Dal lungo e accurato percorso di ricerca di Giorgio Lavorini nasce questo volume, la cui stesura ha visto l'apporto anche di Riccardo Maffei, storico e autore di monografie e vari articoli pubblicati in riviste nazionali e locali.

 

Il sergente Armando Lavorini era nato in provincia di Pistoia. Classe 1910, dopo avere preso parte alle Campagne in Africa Orientale (dal 1936 al 1938) e in Albania (1939-1940), partì per il Fronte Orientale il 24 giugno 1942, assegnato alla Divisione Sforzesca (54° Reggimento, I Battaglione, 4ª Compagnia). Di lui si persero le tracce durante la Prima Battaglia Difensiva del Don, il 21 agosto 1942, nella località di Simovskij.

 

Quando Armando lasciò l'Italia, Giorgio aveva solo undici mesi... era troppo piccolo, quindi, per serbare ricordi specifici del padre. Il suo desiderio di trovare notizie e di trovarlo l'ha portato in Russia nell'estate 2011. Un sogno inseguito per anni, e realizzato grazie al viaggio allora organizzato dall'Associazione Nazionale Bersaglieri.

 

 

Leggi un brano del libro.