Da La milizia del Duce muore sul Don – La 41ª Legione “Cesare Battisti”: memorie dal fronte russo 1942-1943

Paolo Zanlucchi, Egon Edizioni, Rovereto, 2014

 

La milizia del Duce muore sul Don copertina

 

[Dal diario del centuriore Friz – Fine novembre '42]

[...] il dispositivo difensivo venne ulteriormente rafforzato con l'esecuzione di notevoli opere campali, intese a migliorare le condizioni dei capisaldi in linea e a crearne di nuovi arretrati, costruendo in più località dei capaci fossati anticarro, migliorando il servizio delle piste e degli altri collegamenti.

Anche il nostro gruppo, con i genieri divisionali e i fanti disponibili, lavorò indefessamente e allo scoperto per raggiungere lo scopo; noi vi si accompagnava al lavoro tutti i disponibili, che si prodigarono effettivamente con indefessa laboriosità. [...]

Una mattina, sempre di quei giorni, ebbi occasione di incontrarmi con il tenente colonnello del Servizio Operazioni del Comando Tattico divisionale della Ravenna. Tornava da una visita ispettiva in parte del settore delle immediate retrovie.

Uno degli ufficiali che lo accompagnava pose la seguente domanda: "Quando ci sarà dato di usare le nostre artiglierie?"

"Non abbia fretta..." fu la risposta "sarà presto, e molto."

 


 

Leggi anche la recensione del libro.