Da Li Romani in Russia, Elia Marcelli, il cubo, Roma, 2008

 

E l'acqua? L'acqua nostra era la neve

squajata ar foco drento a le gavette;

ma era un intrujo, 'ba brodaja greve.

Ce stava un pozzo, avanti a le casette,

ma chi s'illude de potécce beve,

ciarimétte la pelle, ciarimétte!

C'è un cecchino, inguattato a mezza costa,

che fa secco chiunque ce s'accosta!

 

"Acqua! Acqua!" fiottàveno assetati

due o trecento feriti, notte e giorno,

tra sudori de febbre e fumo e fiati,

zeppi in quell'isbe calle come un forno!

"Acqua..." e quarcuno, a passi strascicati,

sortiva fòri, se guardava attorno,

e annava verso er pozzo maledetto

a pijasse 'na palla in fronte o in petto!

 

C'era, tra quella gente poveretta,

rimasta in mezzo a 'sta tribbolazzione,

'na madre de famija, 'na donnetta

co' la polacca, cor fazzolettone,

cor busto nero su la camicetta

come s'usa in Friùli o a Frosinone,

differente da loro un pochettino

soltanto ner parlà, ch'era ucraìno.

 

Ciaveva casa piena, poveraccia,

de dolori, de strilli e de lamenti;

e lei a pulì ferite, a fascià braccia,

a assiste giorno e notte li morenti,

a asciugaje er sudore su la faccia

ner delirio de l'ùrtimi momenti.

E lì, su la parete, incorniciato

c'era er fijo, vestito da sordato.

 

"Juliana – je dicéveno – ciò sete..."

e chi chiamava Cristo e la Madonna,

"Mamma... mamma mia bella, dove sête..."

e lei je s'accostava, pôra donna,

guardanno er fijo su la parete;

"Sento che mòro... tutto se sprofonna...

mamma..." e lei je pijava quella mano

e je l'accarezzava piano piano.

 

"Acqua... un po' d'acqua..." E lei prese la brocca,

s'annodò attorno ar viso er fazzoletto,

"Tanto – pensò – so' russa, chi me tocca?"

e annò verso quer pozzo maledetto

co' l'occhi fissi e co' quer nodo in bocca.

"Juliana! No..." Ma un colpo del moschetto

de quer cecchino che nun perdonava

la prese in petto mentre camminava!

 

Cascò giù piano, come fosse stanca,

e s'afflosciò co' quelle vesti nere

su quer lenzuolo de bambace bianca.

Incrociate sur pozzo, a bilanciere

c'erano du' filagne, e a mano manca

calava er sole tra le ciminiere:

e lei pareva, in quer silenzio atroce,

la madre de Gesù sotto a la croce.

 

Nun se pô dì: chissà se chi ha sparato

cià creduto davéro a quer vestito,

e l'ha preso pe' un trucco d'un sordato,

e ha pensato a una donna ch'ha tradito.

In guerra, manco Cristo è rispettato,

e l'omo l'arinchioda imbestialito.

Mò, a Nichitovka, c'è una croce strana

fra quelle nostre: quella de Juliana.