Da Fronte Russo: c'ero anch'io, Volume 2°, Giulio Bedeschi, a cura di, Ugo Mursia Editore, Milano, 1983

 

Lettera del caporale Gianni Gadda, deceduto al Fronte Orientale

(Battaglione Alpini Sciatori Monte Cervino)

 

17.12.1942

Mi trovo nuovamente in linea, sotto i colpi dell'artiglieria nemica.

Però questa volta sono anch'io addetto ad un cannoncino, un piccolo gioiello.

E così eccomi nuovamente ai margini dell'inferno. Ma questa volta è un inferno bianco. L'immenso lenzuolo di neve ricopre tutto il suolo e tutto è bianco intorno a noi.

Bianchi i nostri elmetti, bianca la nostra tuta, bianchi passamontagna e guanti, e bianche persino le guaine che ricoprono i piccoli cannoncini mentre questi riposano.

È tutto un candore, intorno, ma basta un secondo, un ordine, perché tutto divampi: attraverso questo candore, ti assicuro, il nemico non passa.