Da Dal fronte russo 1941-1942, Urbano Rattazzi, Delfina Rattazzi, a cura di, Il melangolo, Genova, 2013

 

Dal Fronte Russo Rattazzi copertinaE d'improvviso la neve e il gelo.

La neve è caduta durante la notte, nell'oscurità squassata dal gelido vento iperboreo. Tra gli ululati, i gemiti, i sibili, lo si udiva crepitare contro i vetri delle finestre, quasi implorasse da noi un aiuto, un ricovero. "Apritemi, apritemi, per l'amor di Dio!"

Gli atomi bianchi emergevano come minuscoli fantasmi dalla materia nera della notte, accorrevano a frotte verso la pace luminosa della stanza. Illusi.

Una parete trasparente, una morte silenziosa li attendeva. Urtavano con violenza contro l'invisibile lastra e rimanevano immobili, agonizzanti e. dopo un istante. di ciascuno dei fiocchetti spappolati rimaneva solo una grossa lacrima che scendeva giù lentamente lungo il vetro, disegnandovi un sottile, scintillante rigagnolo. 

 


 

Leggi anche la recensione del libro.