Da La mia parabola (sonetti scelti), Nicola G. De Donno

 

Quanta mbrazzavi terra bbandunatu

cu lle do' razze a ccroce, e rrussu an frunte

lu fiuru de la morte, aimè, surdatu

de na Patria vantata su lle punte

 

de bbajunetta! Ma a lla steppa spùntene

l'erbe de sempre, e pparu àe caminatu

ogne acqua a llu mare, e pparu àe munte

sta chiarità de cielu curuddatu

 

le mille minne de la terra. Gnenti

àve la fauce de la Metitora

mparatu a cci à mmurire. Stannu ncora

 

cu lla Croce an viduta e ll'armamenti

an core de lu munno li putenti,

cechi, e lla ngordità se li ddivora.

 

- 1985 -


  

Quanta terra abbracciavi, abbandonato,

con le due braccia a croce e rosso in fronte,

il fiore della morte, ahimè, soldato,

di una Patria vantata sulle punte

di baionetta! Ma nella steppa spuntano

le erbe di sempre, e così ha camminato

ogni acqua al mare, e così al monte

questo cielo chiaro e rotante,

le mille mamme della terra. Nulla

la falce della Mietitrice

ha insegnato a chi ha da morire. Stanno ancora,

con in vista la Croce e con le armi

nel cuore, i potenti del mondo,

ciechi, e la cupidigia li divora.

 


 

La mia parabola Nicola De Donno copertina